L’Etica Hacker dall’informatica alla società: materiali e interventi

Lo scorso 16 maggio il Partito Pirata ha partecipato all’Open Day mensile del FabLab Firenze, dedicato stavolta al tema dell’Etica Hacker.

Prima di entrare nel vivo della materia, però, è buona educazione fare gli onori di casa. E dunque Lucio Ferella, coordinatore del FabLab Firenze, spiega cos’è un FabLab in generale e quali sono le regole e le attività che vi si svolgono. Ed è subito chiaro che si tratta del posto ideale per un hacker 🙂

E dopo le presentazioni si entra nel vivo del tema.
Scopo della giornata era in primis far chiarezza sul reale significato del termine “Hacker” e dei suoi derivati, e in secondo luogo mostrare come la filosofia di vita di queste persone (i cui valori fondanti sono la condivisione della conoscenza e la collaborazione) sia da tempo uscita dai recinti dell’informatica per “entrare” nella società civile.

Punto di partenza per la riflessione è stato il volume di Pekka Himanen “L’etica hacker e lo spirito dell’età dell’informazione“, pubblicato da Feltrinelli nel 2001. Il saggio, che procede mettendo a confronto l’etica protestante e quella degli hacker, risulta ancor oggi particolarmente interessante per la presenza di alcune domande “profetiche” che l’autore si poneva; nello specifico, Himanen si chiedeva se fosse lecito immaginare un “modello economico” e un “modello sociale” improntato ai valori degli hacker.
Di seguito le slides e l’intervento di Leonardo Zampi.

MATERIALI PER APPROFONDIRE

Di seguito un elenco ragionato di materiali per chi volesse approfondire alcuni temi trattati nel corso dell’intervento:

Sull’etica hacker in generale:

Sull’Open Source business model:

Sul Partito Pirata e Liquid Feedback

                                                                     BITCOIN
Bitcoin è forse uno degli esempi più clamorosi di etica hacker “uscita” dal computer. Eppure il funzionamento di questa criptovaluta è ancora per molti un mistero, e allora Fausto Soriani (uno degli esperti italiani in materia) è venuto a chiarirci un po’le idee.

 

Annunci

Open Session del Partito Pirata

Mercoledì 1 maggio dalle ore 10 alle 23 presso ex circoscrizione n.1 via Giuseppe Taverna n.39, Piacenza

Programma:

Mattina dalle 10 alle 17

  • Partito Pirata : Manifesto eu’14 come integrare le intelligenze collettive.
    (previste due ore di pausa per degustazione di vini e cibi locali)

Pomeriggio dalle 17 alle 23

  • Liquidfeedback democrazia dei pirati o pirati democratici? Prove pratiche dell’uno vale uno. Confronto tra il Partito Pirata e i movimenti per arrivare ad una piattaforma comune condivisa.
  • Bitcoin una reale forma di multimedialità sociale. Molti ne parlano……….
    (previste due ore di pausa per degustazione di vini e cibi locali)

Saranno raccolte le firme per:
1) Wi-fi a Piacenza dal percorso partecipato al crash: lettera aperta all’ Ass. Rabuffi.
2) Campagna Rifiuti Zero http://www.leggerifiutizero.it/emilia-romagna
3) Campagna I.C.E.

manifesto eu 2014

per informazioni ulteriori sull’accesso alla diretta streaming
inviare una email a cornelli1904 (at) libero.it